“I KNOW THE CHEMISTRY AND YOU KNOW THE BUSINESS” ovvero L’11/8 INIZIA LA SECONDA PARTE DELLA FINAL SEASON DI BREAKING BAD.

N.B.: Questo articolo contiene spoiler, non troppi ma qualcuno si.

Siamo arrivati al termine di un’altra pietra miliare degli show televisivi.

Eravamo nel 2008, Obama veniva eletto primo presidente di colore degli Stati Uniti d’America, in Italia cadeva il secondo Governo Prodi, nasceva il Popolo delle Libertà, falliva Lehman-Brothers e formalmente iniziava la tremenda crisi economica che ancora oggi subiamo.

In tutto questo la AMC lancia una nuova serie, destinata a segnare un solco profondo nelle produzioni televisive future: Breaking Bad.

Un plot  davvero accattivante: Meet Walter White (Bryan Lee Cranston, X-Files e Malcom),  un professore di chimica in un liceo di Albuquerque, brillante ma frustrato dal suo stipendio che non permette il sostentamento della moglie in dolce attesa e del figlio portatore di handicap, tanto da costringerlo a un secondo lavoro in un autolavaggio.

Nel giorno del suo 50esimo compleanno, a Walter viene diagnosticato un cancro ai polmoni che gli lascia due anni di vita. Viene a conoscenza, attraverso i notiziari, del mondo dello spaccio di meta-anfetamine e di quanto sia redditizia come “attività” e, stante la sua precaria condizione e la preoccupazione per il futuro sostentamento della propria famiglia, decide di “tentare la via del crimine.”

E così farà, grazie anche all’aiuto di un ex alunno, Jesse Pinkman (Aaron Paul, X-Files, C.S.I.), who “knows the business”, per l’appunto.

Si crea un alter ego, Mr. Heisenberg (dall’omonimo premio nobel per la Fisica), e inizia la sua occupazione come “cuoco di meth”, ruolo in cui le sue conoscenze scientifiche gli assicurano grossi guadagni.

Non sarà certo una passeggiata e le vicende che si susseguiranno nel corso delle stagioni porteranno il buono ma disperato White a “diventare” sempre più il cinico e spietato Heisemberg, fino all’epico “Say my name” nella quinta stagione.

Ed è proprio questo di cui mi occuperò in questo articolo, il dualismo White/Heisemberg.

Per meglio immergersi nella sua nuova vita da trafficande di droga, Walter White crea un alter ego, Heisemberg, il suo speculare. Lascio alle immagini spiegare l’evoluzione del personaggio dal principio della serie ad oggi:

Questo novello Jekill/Hyde è la vera peculiarità dello show, ed è un po’ l’idea che il produttore Vince Gilligan aveva quando ha pensato al personaggio di Walter White/Heisemberg, cioè quella di creare un personaggio che , da essere il protagonista, si trasforma nell’antagonista, come se la trasformazione da Jekill a Hyde diventasse definitiva.

Come nel romanzo di R.L. Stevenson, la fisicità del personaggio cambia di pari passo con il suo carattere, influenzata, certo, anche dall’ evolversi della malattia. Walter White si rasa il cranio, si fa crescere un pizzetto da biker e aggiunge un cappello al suo guardaroba.

Ecco due immagini

White Heisemberg

Ora ecco la trasformazione live da White a Heisemberg durante un programma televisivo americano, incredibile…

Curiosità:

–       Lo pseudonimo Heisemberg viene da Werner Carl Heisemberg, vincitore del premio Nobel per la Fisica nel 1932 per la Meccanica Quantistica e noto per aver postulato l’omonimo Principio di Indeterminazione.

–       Heisemberg/White è diventato a tutti gli effetti un’icona moderna, e come tutte le icone ha una copiosa produzione di t-shirt e produzioni “artistiche” affini, come vedrete su Heisembergchronicles.

–       C’è una App (ma anche il corrispettivo per android) di B.B., e si chiama “The Cost of Doing Business”. E’ gratuita ma solo per Ipad, motivo per cui la sto immediatamente scaricando; è un  c.d. graphic-novel game in cui sei Pinkman e devi aiutare White nei suoi traffici senza finire ammazzato.

–       Il miglior personaggio secondario di sempre, l’ avvocato Saul Goodman, ha una pagina pubblicitaria dove potrete “chiedere la sua assistenza”. Eccola di seguito

–       Bryan Lee Cranston fu scritturato direttamente dallo showrunner Vince Gilligan, con cui aveva già lavorato in un episodio della sesta serie di X-Files, dal titolo Drive, e proprio facendo vedere questo episodio alla produzione riuscì a convincerli a scritturare Cranston, inizialmente non completamente gradito.

–       Cranston ha vinto per quattro volte l’Emmy e una volta il Golden Globe come miglior attore per il personaggio di Walter White.

–       Sul blog Heisembergchemistry.com potrete trovare approfondimenti scientifici prendendo spunto dal lavoro di Walter White, come quello sulla struttura dei cristalli (non di meth!) e sull’origine dello pseudonimo Heisemberg.

–        Ecco gli omaggi dei Simpson e di Family Guy a questo fantastico show

Vi lascio con il trailer del series finale, buona visione.

Un commento su ““I KNOW THE CHEMISTRY AND YOU KNOW THE BUSINESS” ovvero L’11/8 INIZIA LA SECONDA PARTE DELLA FINAL SEASON DI BREAKING BAD.

  1. […] si festeggiano i compleanni di Aaron Paul, Jesse Pinkman di Breaking Bad (per approfondimenti su B. B. click) e Patrick J. Adams, Mike Ross di Suits […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...